PROFESSIONISTA
Clicca qui per ingrandire l' immagine

PROFESSIONISTA con opzione per il Regime Ordinario

Il professionista, qualunque sia l'attività esercitata (ad es. architetto, geometra, ingegnere ecc) emette fattura nel momento dell’incasso del corrispettivo.

Nella fattura dovrà essere calcolato il contributo previdenziale obbligatorio (C.A.P.), ovvero quel contributo integrativo (2% o 4% a seconda della cassa previdenziale di appartenenza) che il professionista sarà tenuto a versare ma che è riaddebitabile al commitente.

Il professionista dovrà inoltre calcolare sul proprio compenso lordo (senza considerare il c.a.p.) la ritenuta d'acconto nella misura del 20%.

Unica eccezione a quanto appena detto è il caso di un professionista che non avendo una propria cassa di appartenenza sia tenuto all'iscrizione presso la Gestione Separata Inps. In questo caso detta ritenuta d'acconto dovrà essere calcolata sul compenso lordo sommato al c.a.p. (che in questo avrà un'aliquota del 4%).

Di seguito riportiamo l'esempio di un professionista con cassa autonoma di previdenza:

 


_______________________________________________________________________________

 

Riportiamo ora il caso di un professionista privo di cassa autonoma di previdenza e pertanto iscritto alla Gestione Separata Inps:

 

 


 ______________________________________________________________________________

 

 Nel caso in cui il professionista svolga una prestazione in favore di un privato non dovrà applicare in fattura la ritenuta d'acconto.

 

 Aliquota Iva al 21% in vigore dal 17/09/2011

 

 


torna in alto